Crea sito

Io son sicuro dunque che la differenza fra il mio figliolo e il vostro non è nella quantità né nella qualità del tesoro chiuso dentro la mente e il cuore, ma in qualcosa che è sulla soglia fra il dentro e il fuori, che anzi è la soglia stessa: la Parola

lorenzo milani

 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'

La relazione docente/discente è essenzialmente affettiva e si realizza esclusivamente in una dimensione di reciprocità: solo l’insegnante che impara dai suoi studenti insegna loro qualcosa. Il sapere profondo e autentico, quello che rimane come parte di sè origina dal riconoscimento: l’insegnante è come uno specchio magico che riflette gli studenti migliori e contenti di sé, guardandosi in questo sguardo lo diventano.

gattodiscorso

 ESCAPE='HTML'

LIM e iPAD: la lim non ha come principale funzione quella di non sporcarsi le mani di gesso, bensì di proporre un nuovo modello di apprendimento/insegnamento che privilegi la capacità di documentarsi, l'incentivo alla ricerca e la valutazione critica dei contenuti a disposizione; a detrimento di una didattica esclusivamente nozionistica, in linea con quelle che sono le categorie del mondo reale fuori e dopo il percorso scolastico. Pertanto, da alcuni anni, in alcuni insegnamenti è stato accolto l’utilizzo di iPad in classe con risultati soddisfacenti.

VALENZA TECNOLOGICA E MULTIMEDIALE DEL CORSO G: il corso G avvicina intenzionalmente due inclinazioni apparentemente opposte: quella pratica e quella virtuale. Tecnologico non significa informatico, significa creativo-costruttivo-sperimentale, infatti nelle cose mettiamo concretamente le mani.
Multimediale-virtuale è la scelta di sintetizzare il risultato di ogni esperienza reale in un oggetto condivisibile, per imparare ad appropriarsi teoricamente di quanto sperimentato: prima la pratica e poi la teoria dunque.

L'UTILIZZO ATTIVO E PASSIVO DI INTERNET: il mezzo è, come si sa, una spada a doppio taglio che spesso spaventa noi adulti, proprio per questo va affrontato con realismo e usato con competenza per poter proteggere i nostri figli e alunni da una realtà non solo ineliminabile ma dalle eccezionali potenzialità. Rimanere loro accanto, un passo avanti a loro per impedire i danni di un sottoutilizzo o di un utilizzo negativo accompagnandoli invece verso uno sfruttamento stimolante e arricchente.

CONCORSI E DIVULGAZIONE MULTIMEDIALE: possono comunicare in tempo reale con un coetaneo in nuova Zelanda e invece passano il pomeriggio a chattare con il compagno di banco...
La comunicazione e la condivisione non sono mai state così facili e così veloci eppure sembra che manchino del tutto i contenuti. Di fronte a questa pochezza culturale l'istinto dell'adulto è avversare o almeno limitare la tendenza esasperata a pubblicarsi... per lo più vanamente.
Invece, come sempre e come per tutto i ragazzi vanno semplicemente educati e aiutati a crescere, a far buon uso di se stessi.
Nasce così l'idea della 'didattica della gallina': co, co, co!
Comunicare, condividere, confrontarsi.
Con i ragazzi del corso G è stata creata una piattaforma digitale, che abbiamo chiamato a scuola con gattodiscorso con lo scopo di scambiarsi materiali e di esporre gli esiti di diverse esperienze didattiche, non solo interne al corso, ma anche degli altri corsi e di tutta la scuola. Nostra intenzione e promessa è di rendere visibile al più presto questo spazio virtuale dove si potrà incontrare la nostra scuola attraverso lo sguardo e il lavoro dei ragazzi.
Infine un'alta partecipazione a concorsi regionali e nazionali, spesso coronati da vittorie, e tutti gli elaborati presentati saranno a disposizione sulla piattaforma, per abituare al lavoro d'equipe a al confronto reale al di fuori delle mura della classe, investendo sullo spirito di gruppo a discapito della rivalità e dall'antagonismo individuali.